Lo CSERPE

Centro Studi e Ricerche per l’Emigrazione

Nell’era della globalizzazione le migrazioni sono divenute un fenomeno strutturale che coinvolge tutti i paesi del mondo ed incide profondamente sulla vita politica, culturale, religiosa ed economica delle società di partenza e di accoglienza. Tali trasformazioni innescano dinamiche di sviluppo economico-sociale e di solidarietà sia a livello globale che locale, ma generano non di rado anche timori e resistenze nei confronti di questo fenomeno complesso, portatore di nuove sfide.

Lo CSERPE si propone come piattaforma di incontro e di dialogo interdisciplinare e interculturale per esponenti delle istituzioni politiche e sociali, del mondo accademico, dei media, delle più diverse agenzie formative, della società civile, delle comunità religiose e del volontariato.

La ricerca di sinergie tra i molteplici attori impegnati in ambito migratorio favorisce l’individuazione di percorsi politici, culturali, sociali ed economici verso una società capace di dare riconoscimento e cittadinanza a tutte le sue componenti.

In questo processo di promozione e di realizzazione di una nuova e creativa convivenza tra persone di diverse etnie, culture e religioni, i migranti e i rifugiati si rivelano protagonisti costruttivi e interlocutori indispensabili.

Fanno parte delle attività dello CSERPE conferenze, corsi di formazione, organizzazione di giornate di studio e convegni, stesura di articoli per giornali e riviste scientifiche, pubblicazioni e ricerche. Lo CSERPE fa parte della Rete dei Centri di Studio Scalabriniani, presenti a New York, Parigi, Roma, San Paolo, Buenos Aires, Manila e Città del Capo. Il suo lavoro di ricerca e di sensibilizzazione si attua in collegamento con questa organizzazione.